Clear Linux, pochi ne parlano e di solito se viene fatta una discussione su di esso viene sempre sottolineato come non viabile per l’uso sul proprio PC.
Ma perchè? Oggi vi parlero delle mie impressioni e opinioni su questa distro, che ormai uso ogni giorno sul mio portatile.

Come è precisamente, diverso, e soprattutto cosa è davvero Clear Linux?

Desktop Gnome su Clear Linux

Clear Linux nasce come una distribuzione di sviluppo e programmazione firmata Intel. Si distingue da altre distribuzioni Linux nascendo come indipendente e basata su Swupd (di cui parleremo più tardi), ma sopratutto ignorando alcune segui-linea del kernel Linux originale, attivando varie ottimizzazioni sulle piattaforme Intel (e non solo). Tutto questo in un ciclo di aggiornameni rolling che è vicinissimo all’upstream delle applicazioni stesse.

In questo modo permette di avere una distribuzione molto solida ma anche aggiornata e veloce nell’uso quotidiano.

Swupd, il futuro delle distruzioni Linux oggi? Forse si

Gnome Software, Frontend per Swupd e Flatpak

Una parte importante di Clear Linux è il suo gestore pacchetti, Swupd. Questo, a differenza di altri gestori di pacchetti nel mondo Linux, si basa sulla facilità con cui può esser utilizzato e compatto.

Il lavoro che esegue Swupd è principalmente nascosto in background, poichè controlla le dipendenze risolvendole e mantenendo il sistema aggiornato in automatico, ma non solo.

Swupd è uno dei pochi gestori di pacchetti Linux che si basa su una filosofia di mantenere aggiornato il sistema in modo dinamico.
Siccome un applicazione non sarà mai aggiornata in autonomia, piuttosto, ogni aggiornamento che farete aggiornerà l’intero sistema.

All’inizio ciò potrebbe esser visto come pazzia, se non contiamo l’ottimizzazione di Swupd stesso. Codesto riesce (senza esagerazioni) a diminuire la grandezza dell’aggiornamento equivalente su Arch di 1GB, a ~30MB, ma come?

La risposta è semplice, ma quasi introvabile nelle altre distro: lo scaricamento della sola differenza che c’è tra il pachetto presente sul sistema e quello nuovo.

Questo rende usare Swupd non solo semplice, una volta presaci la mano, ma altrettando piacevole.

Velocità e ottimizzazione, l’effetto WOW di Clear Linux

Minecraft con mod Fabric su Clear Linux

Molti criticano Clear Linux per andare fuori dalle linee guida del kernel Linux ma, sinceramente, non ci vedo niente di male in ciò.

Ognuno deve fare delle scelte a discapito di altre, e tutti ignorano come Clear Linux è indipendente proprio per questo motivo.
Usando flag di compilazione ottimizzate e un kernel basato sull’ultimo stabile insieme alle patch di Intel, Clear Linux permette infatti di avere una fluidità nell’aprire applicazione, nell’avvio e nelle applicazioni stesse a dir poco strabiliante.

Ciò inoltre include le librerie AVX512 per l’apertura delle applicazioni sulle CPU intel supportate.

Flessibilità, semplicità e sicurezza nella gestione file

La dimostrazione della gestione file sul sito di Clear Linux (https://clearlinux.org/about)

Un ultimo punto forte di Clear Linux su cui vorrei soffermarmi è la gestione file.

A differenza di tutte le altre distibuzioni Linux, Clear Linux divide con precisione il sistema in tre parti diverse, che chiamerò blocchi.
Il primo alle fondamenta sono le configurazioni del SO, come quelle Xorg, nel secondo livello troveremo il sistema e le sue librerie e infine, in cima, la parte dell’utente.

Questo potrebbe sembrare poco importante, ma permette un controllo maggiore e più semplice del sistema, evitando inoltre che l’utente possa fare danni a quest’ultimo, togliendo (ritornando a parlare di Swupd) il rischio che questo possa rompersi con gli aggiornamenti nel tempo.

Perché Clear Linux non è per tutti

Pagina contenente tutto il software di Clear Linux (https://clearlinux.org/software)

Clear Linux rimane però una distro giovane, con poca utenza, e tanti piccoli fastidi, dove o si arriva a risolvere i problemi con un po di smanettamento, oppure rimangono irrisolti.

Uno di questi potrebbe essere la totale mancanza di supporto a vari codec video e musica (risolvibili con la compilazione da sorgente o uso di Flatpak). Questo potrebbe essere il primo e più importante blocco per usare questa distro: un utente non a conoscenza di ciò potrebbe pensare che non funzionino, non riuscendo quindi a risolvere facilmente il problema.

Inoltre la scelta di non avere driver Nvidia ufficialmente è un ulteriore blocco, perchè ne impedisce l’uso a chi ne ha bisogno. Ci sono ulteriori problemi e mancanze, ma sono comunque risolvibili grazie alle tante guide a disposizione e un forum pronto ad aiutarvi con questi problemi.

Ma sapete cosa non si può risolvere? La mancanza di tante applicazioni e strumenti che si usano ogni giorno, ed è qui, che vi invito a scorrervi tutte le pagine del software presente su Clear Linux, perchè si, ha i suoi pro e contro, ma se siete utenti leggeri o che hanno la fortuna di trovare tutto quel di cui ha bisogno nelle repo e Flatpak, allora potrebbe essere il sistema Linux più veloce, bello e facile da usare che ci sia oggi.

E voi cosa ne pensate? Clear Linux sarà il futuro o rimarrà solo una distro particolare? Fatemelo sapere nei commenti e non abbiate paura di provarla!

Inoltre ricordatevi di seguirci su Twitter e sul nostro canale Telegram per non perdere gli ultimi articoli di OpenSlime.