Finalmente, dopo tanto attendere (ci si poteva riservare uno dei modelli fino al 2 dicembre 2019) il nuovissimo mouse della Glorious PC Gaming Race è arrivato!

Il Glorious Model D promette molto bene sulla carta, soddisferà le nostre aspettative?

Nel dettaglio

Come ogni prodotto che fa il suo debutto qui su OpenSlime, è bene passare prima per le presentazioni:

  • Sensore: PixArt PWM3360 ottico
  • Pulsanti: Omron
  • DPI: 400 / 800 / 1600 / 3200 / 5000 / 10000
  • Polling Rate in HZ: 125 / 500 / 1000
  • Connessione: Cablata
  • Lunghezza cavo: 2 m

Le dimensioni sono generose, vi ricordo che ha una forma ergonomica studiata per chi è destrorso:

  • Larghezza: 6.53 cm (posteriore); 6.02 cm (anteriore); 5.98 cm (centrale)
  • Lunghezza: 13.1 cm
  • Altezza: 4.17 cm
  • Peso: 68 g

Il background

Glorious PC Gaming Race

Per chi ancora non conoscesse questo marchio, Glorious PC Gaming Race nasce da una community di gamer con l’obiettivo di portare sul mercato hardware di alto livello a prezzi ragionevoli. Questo ha portato il marchio ad avere una enorme visibilità grazie a prodotti dal rapporto qualità prezzo imbattibile: si è visto l’anno scorso con il Glorious Model O e con le tastiere meccaniche personalizzabili. Nonostante abbiano avuto qualche iniziale problema con alcuni lotti di produzione, posso affermare che hanno alzato i controlli qualità e che soprattutto hanno ascoltato gli utenti finali: il supporto via mail è celere, e nel subreddit dedicato si trova risposta a qualunque problema. Io stesso ho avuto a che fare con entrambe le modalità di contatto e mi hanno sempre dato risposte esaurienti.

Cosa contiene la scatola

Il packaging distingue Glorious dagli altri marchi: troviamo 2 adesivi per mostrare che siamo ascesi alla legione dei PC Gamer, un paio di pad estesi da applicare sotto il mouse, un messaggio di ringraziamento per aver acquistato il prodotto, una guida rapida e un piccolo opuscolo con altri prodotti.

Il mouse

Il modello in questione è di colore bianco e subito saltano all’occhio gli esagoni che caratterizzano questo mouse. Essendo studiato per gli esports, la velocità è tutto: questa la si raggiunge diminuendo sensibilmente il peso, qui portato ad appena 68 grammi.
Il sensore è quello che ci si aspetta da un mouse di questo calibro, il Pixart PWM-3360 ben collaudato e affidabile. Altissima precisione, in gaming dà risultati eccellenti e soprattutto ripetibili. Provenendo da un mouse economico, io da neofita ne ho tratto subito vantaggio con molti giochi FPS.
Presenta un tasto sul dorso per cambiare la sensibilità oltre ai classici due tasti laterali. Sono tutti riprogrammabili tramite il software dedicato, che controlla anche sensibilità, polling rate, LOD e debounce.
Interessante la possibilità di bloccare i DPI ad un certo valore quando si preme uno specifico tasto, attivando dunque la funzione nota come “sniper button”.

La forma del mouse ricorda molto la serie EC della Zowie, con cui condivide anche le dimensioni. La finitura opaca è ottima, rende molto bene con le strisce RGB laterali. Sul fianco sinistro notiamo “la mascotte” barbuta della Glorious, mentre un piccolo quanto stranamente elegante “GLORIOUS” fa da padrone al fianco pulito del mouse.
La colorazione lucida è preferita da molti per via del grip che una superficie di questo tipo conferisce, ma anche con la finitura opaca il grip è eccezionale.

Il pattern ad esagoni lo rende leggero come scritto sopra, ma questo non deve far dubitare della solidità costruttiva del Model D: in mano risulta molto solido, premendo con forza sul fianco sinistro dove sono presenti i tasti laterali non li attiva, la rotella è solida e silenziosa e i tasti sono sempre precisi con il minimo gioco possibile.
Il fatto che la circuiteria interna sia quasi esposta all’esterno può suscitare qualche perplessità ai più, ma basta guardare con attenzione per capire che il circuito stampato è completamente riverstito. Questo non lo rende di certo waterproof, ma è più che sufficiente per un uso normalmente intensivo.

Menzione a parte merita il cavo, che nel Model O aveva dato non pochi problemi. La Glorious aveva risolto mandando ai clienti il cavo “Ascended” che personalmente trovo bellissimo nella colorazione gialla. Il Glorious Model D viene consegnato con quest’ultimo cavo, ma solo nella colorazione nera: non è possibile personalizzarlo in fase di acquisto.

Attenzione! Non strappare l’etichetta, si rischia di perdere la garanzia!

Come va?

Io ho le mani abbastanza grandi (20cm x 9cm) e lo trovo comodissimo in tutte le posizioni, specialmente in palm grip. La plastica di qualità dona un senso di solidità assurdo in movimento ma la leggerezza è quella che stupisce. La precisione del puntatore mi mostra i limiti del mio display, l’accelerazione è assente (ricordate di disattivarla da Windows). La personalizzazione del mouse apre le porte ad un’esperienza d’uso che è su un altro livello, il software accompagna molto bene del resto. Tutti i click sono soddisfacenti sia al tatto che all’udito, la rotella purtroppo può far ricordare del prezzo competitivo di questo prodotto, pur non compromettendo nulla. Il cavo non fa sentire la necessità di un bungee, sembra avere tra le mani un mouse wireless.

In conclusione

Il Model D rispetta appieno la filosofia di Glorious, lanciando al prezzo di €55 un mouse dalle caratteristiche eccezionali che si distingue per qualità generale e prestazioni. I tasti sono fantastici, l’illuminazione RGB (che mai mi è interessata) la trovo entusiasmante, la sua semplicità d’uso e il software altamente programmabile fanno di questo prodotto un best buy nella sua categoria.

Questo secondo tentativo di Glorious è riuscito benissimo, e mi sento di consigliarlo a chiunque cerchi un mouse che comunque andrà bene per il 99% dei gamers.

Ricordo di non danneggiare l’etichetta che trovate sul cavo, rischiate di invalidare la garanzia!
Lo potete trovare su sito ufficiale oppure su Drako, rivenditore ufficiale.

PC Gaming Race Drako (rivenditore ufficiale)

Ricordatevi di seguirci su Twitter e sul nostro canale Telegram per non perdere gli ultimi articoli di OpenSlime 😉