Linus Torvalds si ritira dallo sviluppo del kernel Linux, per ora

Il ritiro di Linus Torvalds dallo sviluppo del kernel Linux. Anche se temporanea, vuole lavorare sul suo comportamento scontroso.

0
Linus Torvalds

Come un fulmine a ciel sereno, Linus Torvalds, ben noto nella comunità Open Source come il papà dell’onnipresente kernel Linux, decide di ritirarsi per lavorare sul suo carattere molto diretto.

torvalds-nvidia-linux_t - Linus Torvalds si ritira dallo sviluppo del kernel Linux, per ora
Linus molto diretto nei confronti di Nvidia

Perchè ha deciso di ritirarsi?

In una nota scritta sulla mailing list di Linux ha scritto:

I need to change some of my behavior, and I want to apologize to the people that my personal behavior hurt and possibly drove away from kernel development entirely

Ho bisogno di cambiare alcuni aspetti del mio carattere, e voglio scusarmi con quelle persone che ho ferito e probabilmente allontanato dallo sviluppo del kernel

Se avete seguito le peripezie che lo sviluppo di Linux ha dovuto affrontare, questa notizia è semplicemente assurda: per quasi 30 anni Linus ha lavorato sul kernel, e ora si sta ritirando per lavorare sul suo carattere. È famoso per il suo atteggiamento scontroso nei confronti di sviluppatori che magari non soddisfano i suoi standard, tant’è che esiste un subreddit pieno dei suoi rants (che significa sproloqui).

Maintainer Summit

La goccia che ha fatto traboccare il vaso sembra essere un problema poco relativo allo sviluppo di Linux: sperava di saltare completamente il Maintainer Summit, un meeting composto da una quarantina di sviluppatori, i migliori peraltro.

Non è stato divertente e nemmeno un buon segno sperare di saltare completamente l’annuale summit sul kernel, e realizzare che ho davvero ignorato sentimenti a lungo sedimentati nella community. Non sono una persona empatica e ciò probabilmente non sorprenderà nessuno. Aver frainteso le persone e non realizzare per anni quanto male ho giudicato una situazione e contribuito ad un ambiente professionale non è buona cosa

Torvalds, nella sua mail, prosegue affermando come la community si sia scontrata con lui sulla sua incapacità cronica di non comprendere le emozioni. Parlando dei continui attacchi nelle mail li ritiene non professionali e fuori luogo, soprattutto quando va sul personale. Allontanandosi dallo sviluppo spera di espiare le proprie colpe, e nel frattempo vuole lavorare su di sè tenendo conto della necessità di cambiare il modo in cui si rapporta con le persone.

Ammettere i propri errori non è facile, quando si pensa poi a Linus Torvalds e alla sua personalità una mossa del genere spiazza tutti.
Se si considera che poi i giganti di internet raramente ammettono colpe, quella mail di scuse sicuramente lo salva dalle vessazioni di chi ci ha lavorato, anche se non lo perdona.